Nella pittoresca Sicilia, terra di antiche tradizioni culinarie che si intrecciano con la storia stessa dell’isola, c’è un piatto che racchiude in sé il calore del sole mediterraneo e la sapienza delle generazioni passate: il “macco di fave.”

Immagina di passeggiare per i mercati locali, dove il profumo intenso delle spezie si fonde con il canto vivace degli ambulanti. È qui che ti trovi a scoprire le fave secche, modeste protagoniste di un piatto che incarna la rusticità della campagna siciliana e la maestria culinaria tramandata di generazione in generazione.

Le origini

La storia del “macco di fave fresche” inizia con il rito dell’ammollo, dove le fave secche riposano nella fresca acqua per ore, risvegliandosi dalla loro quiete secolare. È un momento di preparazione, di attesa, dove la magia della cucina siciliana comincia a prendere forma.

In una cucina animata da colori caldi e odori avvolgenti, la cipolla danza nella padella con l’olio d’oliva, cullata dagli spicchi d’aglio che rilasciano il loro profumo avvolgente. Le fave, ormai rigenerate dall’ammollo, si uniscono alla danza aromatica, inizia il canto lento della loro trasformazione.

La cucina è pervasa da un silenzio magico mentre le fave cuociono lentamente, immersi in una sinfonia di sapori che si sviluppa piano piano. Il “macco di fave” è una poesia culinaria, una melodia di consistenze che si trasformano in una crema vellutata, arricchita dal tocco gentile dell’olio d’oliva.

Finalmente, il piatto è pronto a essere presentato. Il prodotto è versato in ciotole accoglienti, le stesse ciotole che hanno ospitato in passato le storie di tante generazioni. Un generoso filo d’olio d’oliva, come un bacio finale, sottolinea la sua semplice eleganza.

Al primo assaggio, scopri la ricchezza di questa crema avvolgente. Le fave, una volta modeste, si rivelano come custodi di un’identità culinaria intrisa di storia. Il “macco di fave secche o fresche” non è solo un piatto, è un racconto di terre baciare dal sole, di mani che tramandano antiche saggezze, di una cultura che si esprime attraverso il linguaggio del cibo.

Così, in ogni cucchiaiata, immergiti nella tradizione e nell’amore che solo la cucina siciliana sa offrire, in un viaggio culinario che risveglia i sensi e nutre l’anima.

Il “macco di fave” è un piatto tradizionale siciliano preparato con fave secche. Si tratta di una crema densa e vellutata, ottenuta dalla cottura prolungata delle fave secche, solitamente servita con un generoso filo d’olio d’oliva a crudo.

macco di fave

Ricetta semplificata per preparare il “macco di fave” siciliano:

Ingredienti:

  • 300 g di fave secche
  • 1 cipolla
  • 2 spicchi d’aglio
  • 4 cucchiai di olio d’oliva extravergine
  • Sale e pepe q.b.
  • Prezzemolo fresco (per guarnire, opzionale)

Procedura:

  1. Ammollo delle fave:
  • Mettete le fave secche in ammollo in abbondante acqua per almeno 8 ore o durante la notte.
  • Preparazione delle fave:
  • Scolate le fave ammolite e sciacquatele abbondantemente sotto acqua corrente.
  1. Soffritto Aromatico:
  • In una pentola capiente, scaldate l’olio d’oliva a fuoco medio.
  • Aggiungete la cipolla tritata e gli spicchi d’aglio, facendoli appassire delicatamente.
  1. Cottura delle fave:
  • Unite le fave scolate al soffritto aromatico e mescolate bene.
  • Aggiungete acqua a sufficienza per coprire le fave e portate a ebollizione.
  • Riducete la fiamma e lasciate cuocere a fuoco lento fino a quando le fave saranno tenere e la consistenza sarà cremosa.
  1. Crema Vellutata:
  • Con l’aiuto di un frullatore ad immersione, riducete le fave a una crema vellutata.
  • Regolate di sale e pepe secondo il vostro gusto personale.
  1. Presentazione e Guarnizione:
  • Versate il “macco di fave” nelle ciotole da portata.
  • Condite con un generoso filo d’olio d’oliva a crudo.
  • Guarnite con prezzemolo fresco tritato, se desiderato.

Il “macco di fave” è un piatto sostanzioso e ricco di sapori, rappresentativo della cucina siciliana che valorizza la semplicità e la bontà degli ingredienti locali. Se volete scoprire altre ricette con fave secche seguite il nostro blog.

X